L’intermediazione nei trasporti

Mio padre diceva sempre……a ognuno il proprio lavoro e massimo rispetto per quello altrui.

quando ci si trova a parlare di un trasporto con qualcuno che è all’oscuro della materia, occorre essere il più chiari possibile,  perché il nostro MODO DI ESPORRE UN TRASPORTO può risultare, spesso, come ascoltare una lingua straniera che non si conosce.

La figura dell’intermediario commerciale/doganale/marittimo/aereo, serve proprio a questo, ossia a tradurre una terminologia strettamente tecnica in semplici passaggi che possano essere compresi da tutti.

Un trasporto nasce con:

un booking – prenotazione di uno  spazio su una nave / aereo / treno che racchiude quindi il pagamento dello stesso nonché le tasse di MANIPOLAZIONE della merce in ambito portuale /aereo,  il PAGAMENTO del bunker del vettore (colui che trasporta la merce) le TASSE di sicurezza dell’area di stoccaggio e la PESATURA ufficiale, che occorre al comandante Di una nave/aereo  per capire quanta merce sta trasportando rispettando tutte le norme di sicurezza.

Si continua con l’emissione della POLIZZA di carico dettata dalle istruzioni che l’intermediario comunica al vettore che  fungerà quale documento di proprietà della merce fino all’arrivo nel porto di destino.

Si completa  con l’espletamento delle OPERAZIONI DOGANALI sulla base della documentazione fornita per liberare la merce e consentirle di lasciare lo stato di provenienza.

Quando il viaggio arriva al punto di arrivo della destinazione convenuta, l’intermediario riceve la notifica di arrivo della merce arrivata e sbarcata dal vettore MARITTIMO,  e comincia sulla base alla polizza e dei documenti emessi in partenza, al saldo delle competenze del vettore marittimo/aereo allo SDOGANAMENTO della merce presso l’ufficio doganale di arrivo nonché all’introduzione della merce in un magazzino per il successivo svuotamento e consegna finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *